Database delle opere fate dal'artista Forlivese Carmen Silvestroni. Database of the works created by Italian artist Carmen Silvestroni.
VI PREGHIAMO DI INVIARE IMMAGINI E DETTAGLI DI EVENTUALI OPERE DI CARMEN COSÌ DA POTERLE INSERIRE NEL DATABASE -GRAZIE
 

   Ci sono 2.264 opere nel database di Carmen.

   There are 2,264 works in Carmen's database.

Sette categories / Seven categories:
  1. Sculture (479 opere) / Sculptures (479 works)
  2. Pitture (397 opere) / Paintings (397 works)
  3. Collage (126 opere / works)
  4. Pirografia (20 opere) / Pyrography (20 works)
  5. Disegni (293 opere) / Drawings (293 works)
  6. Schizzi (449 opere) / Sketches (449 works)
  7. Abbozzi (499 opere) / Line-drawings (499 works)

Cliccate qui per l'elenco delle tecniche e dei materiali utilizzati.
Click here for a list of techniques and materials used.


 
 
COME E PERCHÉ QUESTO DATABASE E SITO WEB SONO STATI CREATI  /  HOW AND WHY THIS DATABASE AND WEBSITE CAME TO BE
 

     

Non c'è mai stato un luogo in cui il lavoro di tutta la vita di Carmen Silvestroni potesse essere visto, studiato, compreso e apprezzato nella sua interezza da tutti, ovunque. Non c'era neppure alcun accenno di informazioni, accademiche o storiche, per far conoscere l'esistenza di un'artista con calibro di classe mondiale e di così prolifica e varia contribuzione all'arte, al di là forse della leggenda locale che era per chi l'ha amata e si è ricordata di lei nella sua città natale di Forlì in Emilia-Romagna, e salvo alcune pubblicazioni isolate e manifestazioni commemorative.

Carmen non ha mai chiamato se stessa artista, allo stesso modo in cui i veri artisti non cercano, o assegnano a se stessi, titoli ed etichette. Per un vero artista, l'etichetta di "artista" pare irrilevante. Questa particolare artista, che era di professione insegnante di arte a Bologna, ogni volta che veniva chiamata "artista", avrebbe risposto che lei era solo una brava artigiana.

Colei che crea espressioni che sono senza tempo e oltre i confini, sente istintivamente che la "bellezza" esiste unicamente in ogni essere vivente e sfida definizione o regole. L’Arte ispira quando fornisce nutrimento per ogni anima e ogni spirito, non quando dirige. Carmen potrebbe non essere stata nemmeno a conoscenza che il corpo del suo lavoro avrebbe ispirato esattamente quel contesto, di rompere le regole – di prendersi cura degli altri con l'esprimere e il mettere in discussione la nostra condizione in un modo che era spesso anti-istituzionale. Nella sua visione del raggiungimento da parte dell'umanità al divino, l'uomo offre la sua mano tesa come nella Cappella Sistina, solo che nella visione di Carmen, Donna e Uomo sono insieme, lei sta partorendo, e alla destra dell'immagine, invece di Dio proteso verso l'umanità vi è la polizia, avvolta nelle tenebre. Nella Via Crucis di Carmen, ogni immagine è adornata con dettagli periferici di umanità, di istruzione, guerra, politica, folla che definiscono il contesto della religione come una bussola creata dall’umanità invece che dalla geografia. Si dice che Carmen sia appartenuta al movimento della Transavanguardia, ma la larghezza e l'ampiezza e i vari stili del suo lavoro e le tecniche sfidano l’idea stessa di classificazione. Carmen può essere nata e potrebbe aver vissuto a Forlì, ma chi era, cosa ha lasciato alle spalle per noi, è di unicità e di un livello che appartiene a ognuno e ovunque.

Nessuna presentazione dei lavori di Carmen potrebbe essere realizzata senza un database analitico organizzato del lavoro che ha prodotto. Tale fonte di informazioni non esisteva.

La sorella di Carmen, Rosita, assistita occasionalmente da amici di Carmen, oltre dieci anni dopo la morte di Carmen, ha faticosamente assemblato un lista di tutte le opere di cui era a conoscenza, tutto ciò che era a disposizione e tutto quello che ha scoperto. Questa lista è stata proprio ciò, una lista, e fotografie di gran parte delle opere sono state scattate.

Da una parte questa lista originale di 2.039 opere era di incalcolabile valore perché conteneva le informazioni grezze dell'esistenza di tali opere. D'altra parte, la lista come tale non è utilizzabile in quanto non è stata organizzata in alcun modo, oltre il profilo semplice, e le fotografie erano in maggioranza di una non ottima qualità con angoli distorti, cattiva illuminazione nonché orientamento e colori imprecisi.

I passi successivi necessitavano di essere intrapresi affinché la lista diventasse una fonte organizzata, utile e significativa di informazioni per il massiccio corpo di lavoro di Carmen.

Ho "incontrato" Carmen undici anni dopo la sua morte, quando la nipote Margherita e io ci siamo sposati. Negli anni seguenti ho scoperto Carmen attraverso il suo lavoro e sono anche venuto a conoscenza dell'esistenza della lista di Rosita e delle foto. Ho deciso di usare il mio bagaglio di competenze professionali nel campo della fotografia, della tecnologia dell'informazione e catalogazione delle collezioni d'arte per creare un database che sarà presentato su internet e rendere il lavoro di Carmen accessibile e conosciuto dovunque al di là della sua nativa Forlì, come è giusto che esso sia.

Questo database e il sito web sono il risultato di oltre 850 ore di lavoro in cinque anni. Circa 160 ore sono state spese per correggere e migliorare le foto esistenti in Photoshop. Diversi lavori sono stati fotografati da me quando non esistevano già altre foto. Circa 200 ore sono state spese nella creazione del software e nell'organizzazione delle informazioni per il database, l'assegnazione di categorie e la distinzione tra tecniche e materiali. Il resto del lavoro è stata la graduale costruzione e l'espansione di questo sito web, e le modalità in cui le informazioni, a partire dal database indipendente, trovano la loro strada nel codice html. Il sito è stato creato in codice html per risparmiare tempo e costi e renderlo più semplice, ma, si spera, più efficace.

Questo database, e questo sito, mostrano 2.264 opere d'arte, in sette discipline, 98 combinazioni di tecniche e 64 combinazioni di materiali, per un totale di 2.921 foto, presentate in 78 pagine html, per un totale di 6.562 files, 345 MBs che costituiscono il sito nella sua interezza.

È stato completato nella sua forma attuale, in italiano e in inglese, alla fine di marzo 2017, ed è tutto fatto per Carmen.

Dimitris Sivyllis

Aviso: Dal 25/3/2017, vi sono ancora diverse immagini di schizzi e abbozzi, come pure forse pochi altri che non sono stati corretti in Photoshop dalla foto allo stato originale e mostrano tuttora distorsioni e colori e luninosità errati. Questi continueranno a essere corretti nei giorni e nelle settimane successive al lancio del 25 marzo.
     

There has never been a place where Carmen Silvestroni’s life work could be seen, studied, comprehended and enjoyed in its entirety by everyone, anywhere. There wasn’t even any hint of information, academic or historical, to educate on the existence of an artist of world-class caliber, of prolific and varied contribution to art, other than, perhaps, the local legend that she was to those who loved and remembered her in her native city of Forli in Italy’s province of Emilia-Romagna, and a few isolated publications and memorial events.

Carmen never called her self an artist, as true artists never look for, or assign themselves titles and labels. To a true artist, the label “artist” sounds irrelevant. This particular artist, who was by profession a teacher of art in Bologna, whenever called an artist, would respond she is just a competent technician.

One who creates expressions that are timeless and beyond borders instinctively feels that beauty, “bellezza”, exists uniquely in every living being and defies definition or rules. Art inspires when it provides nourishment for each soul and spirit; not when it directs it. Carmen may not have even been aware that the body of her work would inspire in exactly that context, of breaking the rules –of caring for others in expressing and in questioning our predicament in a manner that was often anti-establishment. In her vision of humanity’s reach to the divine, Man offers his extended hand like on the Sistine Chapel, only in Carmen’s vision Woman and Man are together, she is giving birth, and to the right of the image, instead of God reaching out towards humanity is the police, shrouded in darkness. In Carmen’s Stations of the Cross, each image is adorned with peripheral details of humanity, of education, war, politics, mobs that define the context of religion as a human-made compass rather than a geography. Carmen is said to have belonged to the Transavantgarde movement, but the width and breadth and varied styles of her work and techniques defies classification. Carmen may have been born and may have lived in Forli, but who she was, what she left behind for us, is of a uniqueness and of a level that belongs to everyone, everywhere.

No presentation of Carmen’s work could be accomplished without an organized, analytical database of the work she produced. Such a source of information did not exist.

Carmen’s sister, Rosita, assisted occasionally by Carmen’s friends, over ten years after Carmen’s passing, painstakingly assembled a list of all the works she was aware of, all that was available and all she discovered. This list was just that, a list, and photographs were taken of most of the works.

On the one hand this original list of 2,039 works was of incalculable value because it contained the raw information of the existence of these works. On the other hand, the list as such was not usable because it was not organized in any way, beyond the simple listing, and the photographs were in their majority of a poor quality of distorted angles, bad lighting and exposure, and inaccurate colors.

The next steps needed to be taken for the list to become an organized, meaningful and useful source of information for Carmen’s massive body of work.

I “met” Carmen eleven years after she passed away, when her niece Margherita and I were married. In the next years I discovered Carmen through her work and also became aware of the existence of Rosita’s list and photos. I decided to use my professional background in photography, information technology and cataloging of art collections to create a database that would be presented on the internet and make Carmen’s work accessible and known everywhere and anywhere where her work and contribution should belong, beyond her native Forli.

This database and website are the result of over 850 hours of work over five years. Some 160 hours were spent correcting and improving the existing photos in Photoshop. Several works were photographed by myself when no photo existed. Some 200 hours were spent creating the software and organizing the information for the database, assigning categories and distinguishing between techniques and materials. The rest of the work was the gradual building and expanding of this website, and the methods in which information from the stand-alone database finds its way into html code. The website was make in html code to save on time and costs and make it simpler, yet, hopefully, effective.

This database, and this website, showcases 2,264 works of art, in seven disciplines, 98 combinations of techniques and 64 combinations of materials, with a total of 2,921 photos, presented in 78 html pages, with a total of 6,562 files making up the entirety of the website.

It was completed in its present form, in Italian and in English, at the end of March 2017, and it is all done for Carmen.

Dimitris Sivyllis

Note: As of 3/25//2017, there are still several images of sketches and line-drawings, as well as perhaps a few others that have not been corrected in photoshop from their original state and still show distortion and wrong color and luminance. These will continue being corrected in the days and weeks following the 3/25 launch.
 




DATABASE
utilizzate i pulsanti qui sotto / use the buttons below:

  sculture /sculptures pitture / paintings collage pirografie / pyrography disegni / drawings schizzi / sketches abbozzi / line-drawings  
  OGNI PULSANTE DÀ LA LISTA DEI LAVORI PER OGNI CATEGORIA
SELECTION RETURNS A LIST OF ALL THE WORKS IN EACH CATEGORY
Cerca Anno  /  Search by Year Autoritratti / Self-portraits  
  n.Accessione Titolo, dimensione, supporto / Title, dimensions, support Anno Tecnica / Technique Materiale / Material foto  
               
utilizzate i pulsanti qui sopra per vedere gli elenchi delle opere di Carmen  / use the buttons above to see lists of Carmen's works

sito web disegnato e curato da thinkworks.com / website designed and maintained by thinkworks.com     chi siamo / about us   |  contattaci / contact us   |  home
per Carmen, © 2017 tutti i diritti riservati / all rights reserved: nessuna parte di questo sito può essere riprodotta senza autorizzazione / Reproduction prohibited by law